Galleria UPDT Solitude

Durante l’edizione 2021 del Festival, è stata proposta per la prima volta, la Galleria UPDT Solitude, inaugurata il 26 Luglio 2021 nel centro artistico “Humus”, a Ruffano.

La Galleria è stata curata dalla direttrice artistica, Pamela Maglie, in collaborazione con Gabriele Cacciatore, responsabile del collettivo degli artisti della galleria.

L’idea della “Galleria” nasce con l’obiettivo di essere un incubatore di idee e collaborazioni tra diversi artisti; il tema, deciso di comune accordo da tutti gli artisti, è stato quello della “solitudine”, un argomento che ha coinvolto ognuno di noi durante il periodo della pandemia.

Si è deciso quindi di sviluppare l’idea creando un collettivo d’arte, composto dagli scrittori Francesco Toma e Martina Guglielmo, dagli artisti Giulia Bisanti e Manuel Rizzello, dalla ballerina Chiara Sergi e dal chitarrista Alessandro Ferrari, attraverso diversi incontri coordinati e seguiti con la direzione artistica di Pamela Maglie, attiva ormai da diversi anni sul territorio e sulla scena nazionale, con l’ausilio del responsabile del collettivo Gabriele Cacciatore, veterano del festival appassionato d’arte e laureato in Beni Culturali.

Dallo scambio di idee dei diversi artisti, si è voluto attribuire un duplice significato al tema della solitudine:

un’accezione positiva, considerando la solitudine quasi come un momento sacro, un processo curativo che permette di scavare dentro sé stessi, ma anche un’accezione negativa, intesa come l’incapacità di saper stare da soli.

Tutto ciò ha portato alla realizzazione ed installazione di un site-specific in un luogo simbolo del tempo perduto, ovvero in uno spazio privato all’interno del centro di Ruffano, gentilmente concesso dalla proprietaria per i giorni del Festival. Giocando col duplice significato si è realizzato un percorso a partire dall’idea di sradicamento fino a giungere alla consapevolezza dell’importanza dell’arte per superare i momenti di difficoltà e avere la possibilità di realizzare un “mondo migliore”, qui simbolicamente rappresentato da quattro giovani alberi di ulivo elevati su vecchie sedie, che attraverso abili giochi di luce proiettano la loro ombra sul soffitto a botte, amplificandone idealmente la loro dimensione.

L’esperienza è stata gradita e compresa dal pubblico che si è coinvolto come parte attiva nell’opera attraverso il lascito di messaggi sul significato della solitudine affidati simbolicamente alla chioma degli alberi, arricchendo di colore e meraviglia la mostra.

Su proposta del collettivo creatosi, c’è l’intenzione di continuare questo progetto nel tempo con l’obiettivo di creare una residenza d’artista utile a successive creazioni durante le prossime edizioni del Festival.

CONTATTI

APS-ETS "Made in SOAP"
via Milano, 25
73049, Ruffano (LE)
tel: 324 8731490
tel: 345 4688457
P.IVA/C.F. 04640950756
www.unaperditaditempo.it

SEGUICI SUI SOCIAL